martedì 27 maggio 2014

Loro, quelli dei "prestati al cinema". Celebrità allo sbaraglio.



http://www.imdb.com/title/tt1440129/?ref_=nm_flmg_act_4


http://www.imdb.com/title/tt1399103/?ref_=nm_knf_t1   Perchè Rihanna in Battleship? Perché Lenny Kravitz in Hunger Games? Perché Kate Upton in Tower Heist? Perché Rosie Huntington in Transformers 3?
Ma perché??? 


   
   A volte funziona a volte no. Un Vip sottratto al suo habitat naturale, che sia moda, musica o danza, può rivelarsi una sorpresa inaspettata o essere una zavorra tanto ingombrante da trascinare giù tutto. Il cinema da tempo ormai prende in prestito volti noti dalle arti cugine o da ambienti totalmente diversificati e, il risultato, non é poi così scontato. Colui che sa intrattenere folle di fans ai piedi del suo palcoscenico non é detto sappia convincere un pubblico in sala. Così come una belloccia tanto brava a sculettare in passerella può rivelarsi un pachiderma goffo sullo schermo.


   Casi felici comunque la storia del cinema ce ne ha mostrati con la regina del pop Cher che ha convinto tanto anche come attrice, da essere stata premiata a Cannes nell'86 per The Mask. Dietro la maschera ed essersi beccata un Oscar nell'88 per Stregata dalla luna.
Fortunata la carriera di attrice per Madonna, Sig.ra Ciccone, che con Evita si é portata a casa un Golden Globe nel 96 fregandosene poi dei flops successivi, e mettendosi addirittura dietro la macchina da presa. Ma questa é un'altra storia.
Un'altra é stata Diana Ross che, nel 72 con La signora del blues, ha confermato il prestito felice che il cinema ha avuto dalla musica nera, conquistandosi un Golden Globe e cedendo l'Oscar solo alla Minnelli. 
   Ma la lista é comunque lunga e va ancora più indietro nel tempo. E di certo non si può parlare di prestiti fortunati per altre icone della musica o della moda, come la Spears che ha dimostrato potenzialità davvero limitate sul set come Crossroads e simil. O, come menzionavo all'inizio, bamboline di legno tipo Rosie Huntington che ha dato un ampio contributo a rendere Transformers 3 il capitolo più brutto della saga. Insignificante Rihanna in Battleship che, vuoi anche per il personaggio poco significativo, non faceva di certo sentire la sua mancanza quando non era sulla scena. Mi viene in mente Jaden Smith che si é beccato Un Razzie Award per After Earth (meglio che continui col rap), o ripensando indietro a Prince che con i suoi 7 credits come actor non ha lasciato il segno in quel campo.
    Di fronte a colpi piantati male, che per fortuna restano casi isolati, a conti fatti direi che per qualcuno valga ancora il detto “ad ognuno il suo mestiere”.

12 commenti:

  1. A me Kravitz è piaciuto in Hunger Games.
    O più che piaciuto direi che sembrava un attore come gli altri, non uno che veniva da un'altro pianeta buttato là.
    Tutti gli altri cadi che citi non li ho visti tranne ovviamente Cher nell'indimenticabile (per la mia e credo anche tua generazione) Mask.

    The Mask è un altro.. :)

    Anche Eminem dicono che non sfigurasse.
    Era un ottimo articolo, credo che lo potresti ampliare con decine di altre celebrità Manuela

    RispondiElimina
  2. Sai, di Kravitz penso ci si potesse affezionare molto al personaggio. Lui l'ho trovato un pochino legato. Quanto ad Eminem si, ne ho sentito parlar bene ma non so altro. The Mask è stato un grande film... l'ho guardato proprio qualche sera fa ripescandolo tra i vhs. Si... ci sarebbero da aggiungere tanti nomi ancora... nel bene e nel male. Grazie e a presto!!

    RispondiElimina
  3. Mask, non The Mask :)

    Ah ah, no,a parte gli scherzi, non credo ci possano essere due film dal titolo simile così diversi.
    Pensa che l'ho visto l'ultima volta credo 20 anni fa e ancora ricordo nitidamente alcune scene, come lui che spiega i colori a lei, il finale e altri 2,3 piccoli passaggi.

    Hai un approccio molto "professionale" al cinema, ti piace fare approfondimenti e analisi generali.
    Purtroppo con i blog si fativa, pensa che i primi 2 anni ho avuto 1 solo lettore, mio fratello e una 50ina di visite al mese.
    Ma mi son sempre divertito a scrivere lo stesso.
    Il fenomeno che analizzi in questo post specie in Italia ha avuto una quantità di personaggi incredibile, anche se nel 90% in film che definire trash è anche troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops. .. Mask sorry :-) Mi hanno detto ke sono troppo tecnica ma amo parlare di cinema nei suoi vari aspetti. Anche la scrittura del web forse si presta poco a questo...

      Elimina
  4. Ma che cavolo di orario hai?

    Non mi sono svegliato così presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scordo sempre di aggiustare l'ora. Sembra che ho il fuso orario!!!ahah

      Elimina
    2. Secondo me c'è una sola regola nei blog, quello per cui sono nati.
      Ossia essere sè stessi.
      Io quando voglio essere tecnico lo faccio, quando voglio fare approfondimenti li faccio, quando voglio esprimere passione a scapito del tecnico (quasi sempre) lo faccio, quando voglio fare il cazzone e prendermi in giro e divertirmi col trash lo faccio.
      Ho solo questa regola, non penso a come dovrei o potrei essere.
      Quindi te scrivi quello e come ti pare.
      Poi il "successo" può far piacere ma non è niente in confronto al sapere che qualcuno ha apprezzato quello che volevi scrivere veramente, non per convenienza.
      Se fosse un lavoro sarebbe diverso.
      Purtroppo o per fortuna non lo è :)

      Faccio colazione, sono le 8.30.
      A presto

      Elimina
    3. Parole sante. Ognuno rende conto a sé stesso. Buona colazione. Giuro che appena trovo gli occhiali regolo sta cazz... di ora :-)

      Elimina
  5. lenny kravitz ormai si sta dedicando al cinema parecchio e piano piano sta diventando convincente.
    gli altri anche no :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente migliore di tanti altri. Grazie Marco :)

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina