martedì 30 settembre 2014

Chiamami "mamma di Stifler"

   Possono piacere o non piacere, far ridere o annoiare, le commedie americane per teenagers o le tv series da intrattenimento leggero, ma se c'è lei c'è una nota di brio in più.
http://www.imdb.com/title/tt0252866/?ref_=nm_flmg_act_67
Dopotutto la mamma di Stifler è sempre la mamma di Stifler!
Non scrivo un pezzo su di Lei perchè ci sono novità o nuovi lavori particolari nel suo calendario, ma semplicemente perchè volevo dedicare un piccolo spazio del mio microscopico blog a quella che è stata e sarà sempre Stifler's Mom.
   Prevalentemente Jennifer Coolidge si è misurata in film indipendenti e di genere commedia, e la sua è una versatilità formosa e fascinosa che la presta sicuramente a ruoli molto “carismatici”. Dal '93 ad oggi conta numerosissime apparizioni in varie serie televisive americane e nella sua filmografia ha commedie più o meno popolari. Ovvio che il ruolo che l'ha resa più celebre è stato quello della mamma sexy in American Pie (1 e sequels) ma non solo: Sophie in 2 Broke Girls è stato comunque un ruolo fortunato soprattutto in Usa, come anche Betty di La vita segreta di una teenager …
Di lei si possono ricordare simpaticamente i ruoli semi comici di Cambia la tua vita con un click (in cui interpretava l'amica fuori di testa) e di Epic Movie, il “film” più brutto dell'ultimo decennio, in cui l'unico punto più brioso era proprio la Bianca Gnocca regina di Gnarnia.
   Comunque quel "OOOOH, Mamma di Stifler, OOOOOOOOH" io lo metto tra i CineEvergreen!

mercoledì 24 settembre 2014

Daniel Radcliffe e il nuovo Igor. Frankenstein ritorna in sala.

A volte ritornano.
I grandi dell'horror non "muoiono" mai e tra non molto tornerà sugli schermi uno dei classici per eccellenza, Frankenstein in veste nuova.
Paul McGuigan ci regalerà un Frankenstein raccontato con gli occhi del suo assistente, Igor. E questa sarà proprio l'idea che rafforzerà il prodotto finale. La sceneggiatura di Max Landis punta sull'ottica narrativa di Igor, personaggio che non sempre è stato presente in tutti i film dedicati alla Creatura. Il nuovo Igor, interpretato da Daniel Radcliffe ex Potter, potrebbe rappresentare la nuova chiave di lettura per scorgere la vera umanità del Doctor Victor Von Frankenstein (interpretato da James McAvoy). Tema inedito approfondito in questa pellicola, pare sarà proprio il rapporto di amicizia esistente tra i due controversi personaggi. 
Interessante McGuigan alla regia dato che, visti i suoi precedenti (soprattutto con Slevin), in questo film potrebbe convincere al meglio.
Il film uscirà il 2 ottobre nelle sale Usa per giungere da noi a data da stabilirsi.
E come sempre staremo a vedere ...

mercoledì 10 settembre 2014

I CineEvergreen. Un'Ottima Annata.

" Un uomo dovrebbe riconoscere le sue sconfitte garbatamente così come festeggia le sue vittorie.
...
 Col tempo vedrai che un uomo non impara niente quando vince. Perdere invece può condurre a grande saggezza, Max. Il nocciolo della quale poi è quanto sia più gradevole vincere. È inevitabile perdere di tanto in tanto. Il trucco è...  che non diventi un'abitudine. Beviamo? ".


http://www.imdb.com/title/tt0401445/?ref_=fn_al_tt_1


Un'ottima annata ("A good year"), 2006
Henry / Albert Finney
Regia di Ridley Scott
Fonte citazione: aforismi.meglio.it 

 

giovedì 4 settembre 2014

Man of (li mor)TaiChi.

   Da devota praticante non mi faccio scappare un filmetto a tema marziale, ma ... Keanu Reeves qui non mi ha convinta.
http://www.imdb.com/title/tt2016940/?ref_=ttfc_fc_ttUomo maturo in questa pellicola, a dire il vero l'ho apprezzato più per il fascino che per la regia. Interessante a tratti il personaggio Donaka Mark, che si fa attendere fino alla fine per svelare le sue doti marziali, e che soddisfa l'attesa con un combattimento conclusivo non proprio epico.
Il giovane Chen Lin-Hu, lui, Man of Tai Chi, è interpretato da Tiger Hu Chen (Kung Fu Man, 2012), valido stuntman conosciuto anche in Matrix.
Non molte parole per un film da vedere una volta e da non tenere in archivio per me. La vicenda di sfondo è piuttosto prevedibile e poco sostanziosa, e i personaggi di contorno sembra tentino un richiamo vago a pellicole a tema similare ma con poco successo. Prendiamo il Maestro, Sensei e custode del tempio: c'avrei visto più un "Pai Mei", figura che è stata d'ispirazione a molti film. In stile killbilliano, per esempio, sarebbe andato alla grande, ma qui ho visto più un custode che un maestro d'arte. 
Comunque, l'investigatrice intelligente c'era ... la ragazza acqua e sapone pure (che tra l'altro credevo si trattasse della bestiolina Gogo di Kill Bill vol. 1 ma mi sbagliavo) ... e il capo della polizia corrotto anche...
   Insomma spendo un solo giudizio positivo e lo faccio per i combattimenti. Da umile marzialista ho riconosciuto buone combinazioni provenienti da diverse arti (l'amato Ju Jitsu, ma erano chiaramente visibili Aikido e Judo, oltre che al Tai Chi, ovviamente). Di certo si trattava di arti marziali esasperate, perchè costrette allo scopo cinematografico, ma comunque i combattimenti erano ben simulati, e questo è tipico da vedere in film del genere. 
E ci mancherebbe altro!

lunedì 1 settembre 2014

I CineEvergreen. Labyrinth.

"Con rischi indicibili e traversie innumerevoli, io ho superato la strada per questo castello oltre la città di Goblin, per riprendere il bambino che tu hai rapito. La mia volontà è forte come la tua e il mio regno altrettanto grande..."

http://www.imdb.com/title/tt0091369/?ref_=ttfc_fc_tt


Labyrinth, 1986
Regia di Jim Henson
Sarah (Jennifer Connelly)
Fonte citazione Pensierieparole 

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/film/l/labyrinth-dove-tutto-e-possibile-(1986)/citazione-31915>