giovedì 9 ottobre 2014

Sin City - Una donna per cui uccidere: esperienza visiva Vs vuoto narrativo.

http://www.imdb.com/title/tt0458481/?ref_=fn_al_tt_4   Da prendere come un fumetto ancor più del primo capitolo dove, ancora, si trovavano set reali e interpreti calati in ambientazioni semi-concrete. In "Sin City: a dame to kill for" questo non c'è. Il green screen scaccia le scenografie reali, a favore di una universalità da computer.
Il risultato? Fusione di cinema e fumetto che genera un mezzo espressivo nel complesso accattivante, ma che ha lasciato molti scontenti.
   Il primo film si faceva promotore di una potenzialità mediatica originale: bianco&nero e assenza di tonalità cromatiche erano lì a ricordarci che si trattava di un fumetto. La stilizzazione e la bidimensionalità (bidimensionalità apposita anche nel 3d) marcano ancor più in questo episodio la forte impronta fumettistica voluta da Rodriguez e Miller. Espressione visiva a discapito di altro: Sin City oggi è questo e lo si intuisce dalle estreme caratterizzazioni dei personaggi e dei loro sguardi. 
   La scarsa consistenza narrativa è colmata forse da tutto ciò. Ma credo che poi, per un film del genere, non sia neanche opportuno parlare di vuoto narrativo. Il tutto va preso come un fumetto, e come su un fumetto ci vengono somministrati eroi e vicende da fumetto. Anacronismo, ribaltamento temporale, disambiguazione. 
   Certo, potremmo comunque continuare a pensare, peccato che la consistenza espressiva non porti con sé anche una altrettanto valida sceneggiatura. Probabilmente, il fascino di un prodotto filmico tale consiste proprio in questo. Lasciare che non sia la vicenda la portata principale.

6 commenti:

  1. Ho letto solo la graphic novel e aspetto di vedere il film, ovviamente carica di aspettative, anche se si stanno ridimensionando. u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da vedere senza altissime aspettative ... ma comunque da vedere a mio parere ...

      Elimina
  2. mi sa che era meglio se rimaneva solo un fumetto... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo si sente di dire da molti questi giorni... :) peccato però, potevano giocarsela meglio!!

      Elimina
  3. Il problema vero, secondo me, è stato l'eccessiva distanza temporale tra la realizzazione del primo film di Sin City e questa seconda pellicola.
    Se l'avessero fatto qualche anno fa probabilmente molti fan avrebbero gridato al capolavoro mentre adesso siamo inondati da Cinecomics.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerazione questa che non avevo fatto assolutamente Nick. Il periodo è fin troppo carico di pellicole del genere.. difficile distinguersi.

      Elimina